giovedì 12 marzo 2015

Quiche di morcilla,mela e pinoli / Quiche de morcilla,manzana y piñones


En Español más abajo

 

Altro mese e altro MTC. Questo mese la sfida prevede Quiches.
Amo moltissimo le quiches e le torte salate in generale,ma,purtroppo,per motivi dietetici,bisogna limitarsi.
La sfida sembra facile,ma il livello dell'MTC é sempre piú alto e quindi non é semplice.

Alla fine ho scelto come ingrediente principale un prodotto spagnolo (ebbé...se vivo qui...):la Morcilla

Per chi non la conoscesse:la morcilla é molto simile al nostro sanguinaccio,ossia:sangue di maiale mescolato con...dipende..riso,cipolle,cannella,pimentón,...insomma:esattamente come il nostro sanguinaccio,che cambia secondo le varie regioni,anche la morcilla varia secondo la provenienza. La morcilla asturiana é composta da:sangue di maiale,parti del maiale,pimenton e cipolla.
Un sapore deciso quindi e allora ho pensato di smorzarlo mescolandolo con le mele. In questo caso ho scelto delle mele che qui si chiamano Giapponesi,giallo chiaro,durette e leggermente asprigne. E per finire:una spolverata di pinoli.

Risultato? Approvata a pieni voti (almeno dai miei commensali..)






Quiche di morcilla,mela e pinoli

 

Per la pasta brisée

250 gr di farina
150 gr di burro
1 cucchiaino di sale
un pizzico di zucchero
1 uovo
1 cucchiaio di latte freddo

Fare la fontana con la farina. Nel centro mettere il burro leggermente ammorbidito a pezzetti,il sale,l'uovo e lo zucchero.
Lavorare con le punta delle dita incorporando,poco a poco,la farina.Quando il composto avrá una consistenza grumosa aggiungere il latte e continuare lavorando con la punta delle dita.
Spingere lontano da voi l’impasto con il palmo della mano, lavorando di polso, per 4 o 5 volte, finché è liscio. Formare una palla, avvolgerla nella pellicola e metteterla in frigo fino all’uso.
La pasta brisée si conserva bene in frigo in un contenitore ermetico per una settimana o nel congelatore per 3 mesi.
Se volte vedere spiegazioni dettagliate e foto vi rimando da Flavia. 





Per la quiche (stampo di 24 cm di diametro) 

320 gr di pasta brisée
3 morcillas asturianas (300 gr circa)
1 mela giapponese
3 uova mediane
250 gr di panna densa
una foglia di salvia
burro q.b.
pinoli
noce moscata
sale-pepe 

Stendere la pasta brisée con il mattarello con movimenti leggeri e regolari,facendo ruotare la pasta di tanto in tanto. Cercate di ottenere un disco di circa 5-7 cm di diametro superiore alla misura della teglia. Arrotolare la pasta sul mattarello e srotolarla nello stampo.
Passate il mattarello sullo stampo per rifilare l'eccesso di pasta. Con una pallina di pasta avanzata pressare leggermente i bordi per sollevarli (come ci dice Flavia:in cottura si ritira e quindi é meglio che sia un pochino piú alta del bordo della tortiera).
Riporre in freezer per 20 min circa.

Nel frattempo preparare il ripieno.
Togliere il budello alla morcilla e farla a pezzetti.
Tagliare la mela a pezzetti (io non l'ho pelata perché questa qualitá ha una pelle sottile e saporita) e farla insaporire per pochissimi minuti in pochissimo burro e una foglia di salvia (che poi andrá eliminata),salare. Mettere da parte.

Nello stesso padellino far saltare per qualche minuto la morcilla.


Scaldare il forno a 180º.
Estrarre la teglia dal freezer e procedere alla cottura in bianco.
Bucherellate il guscio di pasta, prendere un foglio di carta forno e appoggiarlo nella teglia,distribuirvi i pesi(se li avete) o fagioli o ceci o riso.
Introdurre nel forno e cuocere a metá altezza per 15-20 minuti. Togliere il foglio con i pesi e cuocere per altri cinque minuti.

Intanto che il guscio di brisée cuoce continuate preparando l'appareil (l'appareil é la base del ripieno ed é costituito da panna e/o latte e uova). Per l'appareil avremo bisogno di panna densa. Per averla densa é sufficiente sbatterla leggermente con le fruste fino a quando sará,appunto, densa.
Sbattere leggermente le uova con il sale e il pepe e aggiungervi la panna densa.

Terminata la cottura in bianco distribuire sulla pasta brisé la morcilla e la mela e versarvi l'appareil. 
Distribuire sulla superficie alcuni pinoli.

Rimettere in forno per 20-25 minuti.














Con questa ricetta partecipo all'MTC di marzo.

www.mtchallenge.it/2015/03/mtcn-46la-ricetta-dellasfida-di-marzo.htm





Quiche de morcilla,manzana y piñones


Otro mes y otro MTC. Este mes el desafío es sobre quiches. Pero tiene que ser un quiche hecho con masa brisa segun la receta de Michel Roux que nos enseña Flavia de Cuocicucidici  que ha ganado el MTC del mes de febrero.Realmente me encantan los quiches y las tartas saladas en general, pero, por desgracia, por razones dietéticas (engordan!!), debo limitarme.El desafío parece fácil, pero el nivel del MTC es cada vez más alto y por lo tanto no es tan fácil.Al final elegí como ingrediente principal un producto español (tenía que hacerlo ... ya que vivo aquí ...): la Morcilla.Para aquellos no familiarizados: la morcilla (muy similar al italianisimo "sanguinaccio") está hecha de sangre de cerdo mezclada con ... depende..arroz, cebolla, canela, pimentón, ... en definitiva: al igual que nuestro sanguinaccio, que cambia según las diversas regiones, la morcilla también varía según el lugar de origen. La morcilla asturiana se compone de: sangre de cerdo, tocino de cerdo, pimentón y cebolla.En definitiva un sabor muy fuerte así que he pensado suavizarlo con manzanas. En este caso he elegido una calidad de manzana que aquí llaman japonés, de color amarillo claro,  ligeramente acidulas y bien duritas. Y por último: unos piñones.Resultado? Aprobado con gran éxito (al menos de parte de mis comensales ..)






Quiche de morcilla,manzana y piñones


Para la masa brisa de M. Roux

250 gramos de harina
150 gramos de mantequilla
1 cucharadita de sal
una pizca de azúcar
1 huevo
1 cucharada de leche fría

Hacer la fuente con la harina. En el centro poner la mantequilla  en pequeños trozos, sal, huevo y azúcar.

Trabajar con las puntas de los dedos incorporando, poco a poco, la harina. Cuando la mezcla tenga una consistencia grumosa agregar la leche y seguir trabajando con las yemas de los dedos.

Empuja lejos de ti la masa con la palma de la mano, trabajando de muñeca, para 4 o 5 veces, hasta que esté lisa. Formar una bola, envolver en papel plástico y refrigerar hasta su uso.

La  masa brisa se conserva bien en el refrigerador en un recipiente hermético durante una semana o en el congelador durante 3 meses.

Para explicaciones detalladas y fotos, le remito a Flavia.


Para el quiche (molde de 24 cm de diámetro)
320 gramos de masa brisa
3 morcillas Asturianas (300 gramos más o menos)  
1 manzana japonesa 
3 huevos medianos 
250 mililitros de nata espesa
una hoja de salvia 
mantequilla 
piñones 
nuez moscada 
sal-pimienta 

Estirar la masa quebrada con un rodillo con movimientos ligeros y regular, rodando la masa de vez en cuando. Tratar de conseguir un disco de aproximadamente 5-7 cm de diámetro mayor que la medida del molde.

 Enrollar la masa en el rodillo y desenrollar en el molde.Pasar el rodillo sobre el molde para recortar el exceso de masa.
 Con una bolita de masa presionar ligeramente los bordes para levantarlos (como nos dice Flavia: al cocinarla en el horno se retira y entonces es mejor subir un poco más del límite del molde). 
Coloque en el congelador durante unos 20 minutos(esto hará que la "concha" no se rompa al cocer). 

Mientras tanto, preparar el relleno. 
Retire la tripa de la morcilla y reducirla en pedazitos.
 Cortar la manzana en trozos pequeños (no la he pelado porque esta calidad tiene una piel fina y sabrosa) y dejar cocer durante unos minutos en un poco de mantequilla y una hoja de salvia (que se eliminará luego), y  sal. Poner a un lado. 

En la misma sartén saltear la morcilla durante unos minutos. 
Caliente el horno a 180º. 

Retire el molde con la brisa del congelador y cocer en blanco.Pinchar la concha con un tenedor, poner una hoja de papel de horno en el molde encima de la pasta brisa , extender los pesos (si los tenéis) o alubias o garbanzos o arroz.
 Introducir en el horno y hornear durante 15-20 minutos a media altura.
 Quitar el papel de horno con los  pesos y hornear durante otros cinco minutos. 

Mientras tanto, empezar la preparación de la appareil (la appareil es la base del relleno y está hecho de nata y / o leche y huevos). Para la appareil necesitamos nata espesa y las preparamos batiendo la nata hasta que sea espesa (no montada!!!).
Batir ligeramente los huevos con sal y pimienta y añadir la nata espesa. 

Después de la cocción de la masa en blanco distribuir encima de la brisa: la morcilla , la manzana y verter el appareil.
  
Distribuir sobre la superficie algunos piñones. 
Poner de nuevo en el horno durante 20-25 minutos.







45 commenti:

  1. La Morcilla mi è stata fatta mangiare a tradimento, da amici madrileni e devo dire che, a differenza del sanguinaccio, con cui proprio non vado d'accordo, sono riuscita a mandarla giù e ad apprezzarne le qualità, pur non facendo il bis. Ovviamente (in casa mia, è sempre così), il marito e la figlia ci impazziscono, per cui presumo future repliche di questa quiche- che ha un ripieno fa-vo-lo-so: lamela è un accostamento perfetto, perchè l'acidulo smorza il grasso ed esalta il retrogusto speziato e il pinolo chiude il cerchio, arricchendo la tua proposta anche dal punto di vista della consistenza. La vorrei vedere sulla carta dei miei ristoranti preferiti, una cosa, così, la prossima volta che scendo a Madrid... brava, brava, brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie,grazie,grazie Ale!! Ahahah..proporró la mia ricetta a qualche ristorante madrileño allora,mad devi darmi lalista dei tuoi preferiti ;-).
      Maddai.....la morcilla é buonissima! ...ma io amo anche il nostro sanguinaccio. In tavola non sono per niente schizzinosa e nulla mi spaventa. Ma sono un pó una fogna;mangio tutto,mi piace tutto (basta che sia ben fatto) e assaggio qualsiasi cosa mi si proponga.

      Elimina
  2. non conosco questo ingrediente!!!Il tuo piatto e' davvero curioso, ti sei proprio ingegnata mia cara questa volta, ti e' venuta splendidamente bene, brava!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sabry! Dovresti proprio provarlo allora.
      Bacionionioni

      Elimina
  3. ¡¡Hola Vera!! ¡¡La quiche te ha quedado de 10!! ¡¡Menuda pinta tiene!! A mi no me gusta la morcilla por muy típica española que sea, ja, ja. Pero te aseguro que sí probaría tu quiche, pues la combinación que has echo de ingredientes me encanta. La manzana me parece todo un acierto, pues tiene que casar perfectamente con la morcilla. ¡¡Para mi, este reto, sin duda, es tuyo!! Besitos.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hola Isabel!!...no te gusta la morcillaaaa??!!! Esto no puede ser..:-)
      Ojalá tu fuera la jueza de este reto!! jeejeje
      Besitos

      Elimina
  4. ¡Qué buena pinta! Yo he hecho empanada de morcilla y manzana, pero en quiche tiene que estar de lujo

    ¡Feliz y dulce fin de semana!
    http://losdulcessecretosdecuca.blogspot.com.es

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hola Cuca! Te aseguro que lo era ;-)
      Vaya...y yo que creia haber inventado algo nuevo...ya veo que la combinacion manzana+morcilla no es nueva :(
      La empanada tambien tiene que ser buenisima.
      Besos

      Elimina
  5. Si presenta molto bene e il gusto chi sa com'è, non ho mai mangiato questi preparati ! Buon fine settimana !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah Claudia. Te ne spedirei un pezzetto,ma non ne ho piú :))))
      Grazie per passare da me. Baci

      Elimina
  6. Ecco, ho imparato una cosa nuova. Conosco il sanguinaccio italiano, che da me si usa dolcificare con cioccolato e frutta secca, ma ...ehm... non ho mai avuto il coraggio di assaggiare. La tua quiche ha un aspetto delizioso. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma comeee??? Il sanguinaccio é fantastico!! Comunque ti assicuro che la quiche ti sarebbe piaciuta.
      Un abbraccio

      Elimina
  7. Io la ricetta me la sono letta direttamente in spagnolo perchè sono nuovamente prossima alla partenza ed un po' di ripasso non fa male......visto che ogni volta rimango senza parole....e senza dizionario!!!
    Hai formato una coppia di grande garbo, la mela è caduta davvero nel posto giusto:))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Entonces te doy las gracias en español! :)))
      Besitos

      Elimina
  8. Ma noooooooo!
    Ho letto adesso che tu abiti a Lanzarote....è esattamente dove sto andando io....e non in vacanza!!!!!!!

    RispondiElimina
  9. Holaaa, a mi también me gustan mucho las quichés pero procuro no hacerlas a menudo porque suelen ser consistentes y lo que bien dices, engorda! y aunque hago la masa con aceite de oliva con un resultado muy bueno, sigue siendo un plato consistente. Y esta con morcilla no me podría resistir, me has dado en mi punto débil, es una pasada de quiché, te ha quedado extraordinaria!
    Un besooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hola Maisa!! Muchisimas gracias. Ya....todo lo bueno engorda....:(
      Besitos

      Elimina
  10. Non si finisce mai di imparare!
    amelie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto? :)))))
      Un bacione Amelie cara e grazie per passare da me nonostante io non ricambi spesso e non perché non voglia...la mia é una lotta contro il maledetto orologio che gira e non mi regala minuti,mai!
      Unabbracio

      Elimina
  11. e dove trovo la morcilla??
    tendria que ir en Castilla... :) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah Ciro.....Perché no? ;)
      Non so dove vivi,ma dovresti trovare prodotti spagnoli da qualche parte o per internet.
      Grazie per passare

      Elimina
  12. Una combinación de sabores muy curiosa y original, tendré que probarla! Un abrazo

    RispondiElimina
  13. Io amo tutti i insaccati particolari e delle vecchie tradizioni. Tutti con dei sapori ben definiti e particolari e trovare la morcilla in questa ricetta abbinata alla mela mi piace tantissimo.
    Veramente una bella trovata questa ricetta!
    Brava!

    RispondiElimina
  14. Que rico!!.
    Nosotras preparamos mucho morcilla con manzana y piñones pero para untar en pan y siempre gusta , no se me había ocurrido hacerla en quiché, probaremos.
    Besos crisylaura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hola! Ya lo decia en un comentario más arriba:creía haber creado una nueva combinacion y descubro que no :((( ....Bueno:tendreís que probarlos en quiche!!
      Besos

      Elimina
  15. Veraaaaaaaaaaaa...ma certo che avevo commentato e subito dopo Alessandra..... non so perchè non sia artito e tu non te lo sia ritrovato...e avevo anche fatto un commento bello lungo :( . Comunque hai fatto bene a passare da me, perchè davvero non avresti avuto una bella impressione di me, cosa che invece ho avuto della tua quiche con la morcilla, che non conosco come ingrediente, ma che grazie all'equilibrio che metti con l'acidità della mela, mi fa capire in un ceto senso di cosa si tratta!!! Come Ale credo che tu abbia fatto un piatto gourmet da ristorante stellato. Un buona domenica Flavia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Flaviaaaa :))) supponevo fosse successa una cosa simile,non ti preoccupare.
      Grazie mille per i complimenti!!
      Un abbraccio

      Elimina
  16. che buona e che bella piena di condimento... una goduria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente,modestia a parte eheheheheh
      Un abbraccio
      Vera

      Elimina
  17. Ahi ma chissà che sapore!!!!!
    Che meraviglia, mi richiama alla mente un altro tuo abbinamento sconvolgente. i carciofi col chorizo.
    E mo chi lavora più....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah Greta!! Questa era moltooo buonaaa,ma,effettivamente,quei canederli non erano da meno.
      ...modestia a parte...of course...
      Baciotti

      Elimina
  18. Stavo pensando giusto oggi che non ho mai avuto il coraggio di assaggiare il sanguinaccio, e che evidentemente i palati di adesso sono più delicati (nel senso deteriore del termine, temo), perché una volta si mangiava tutto senza problemi. Ed ecco che apro la pagina degli sfidanti e vedo una torta salata a base di morcilla. :-)
    Bravissima davvero, meraviglioso l'abbinamento con la mela, che pulisce la bocca, econ i pinoli, che danno croccantezza e addolciscono il tutto. Una grandissima quiche, davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie mille Mapy!!!!
      Effettivamente: ee non direi palati delicati,ma schizzinosi. Bisogna ritrovare il gusto dei sapori veri e antichi.
      Un abbraccio

      Elimina
  19. Allora, adoro i sanguinacci e, va da sé, anche la morcilla: io ho mangiato quella andalusa, che non so cosa abbia dentro di preciso, ma era buonissima lo stessooooo!!!!
    Quindi questa tua quiche mi stuzzica, e non poco!!!
    Complimenti per l'originalità!

    RispondiElimina
  20. Bella bella bella!!! Adoro la morcilla, ho passato intere estati in Spagna, e trovo che l'accostamento con le mele ed i pinoli sia azzeccatissimo. Hai creato una meraviglia, complimenti!

    RispondiElimina
  21. Che bella! Mi ha incuriosita la morcilla, anche perché il nostro sanguinaccio è più simile ad una crema spalmabile. E ora vado a documentarmi sulla mela giapponese :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La morcilla,invece,é piú un briciolame infilato in un budello.
      Non so se si chiamerá davvero mela giapponese;il fatto che qui la chiamino cosí non fa testo...ti assicuro..:-))

      Elimina
  22. Scoprire nuovi ingredienti appartenenti a paesi diversi dal proprio. E' anche questo il bello dell'MTC. Non conoscevo la morcilla, mi incuriosisce questa cosa che contenga il sangue del maiale (qui da noi non lo mettono neanche più in vendita per fare il sanguinaccio.. almeno a Napoli). Non so se la assaggerei, ma di sicuro deve essere molto particolare :D Anche l'abbinamento con le mele secondo me ci sta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma daiii...non si trova piú il sanguinacciooo??!!! Peccato..
      Grazie! Un abbraccio

      Elimina
  23. Ciao Vera. Piacere di conoscerti. Sono una compagna di MTC. Sto facendo il tour delle ricette del mese. Il mese scorso purtroppo me ne sono perse un mucchio. La tua proposta mi è piaciuta molto. Devo dire che non ho mai assaggiato la morcilla e il sanguinaccio non mi piace molto, però dentro a quel ripieno, in quella pasta ... sai che non aspetterei neanche un secondo per assaggiarne una fetta?
    Mi sa che tornerò più spesso da te. Anche perchè mi sono incantata a leggere la ricetta in spagnolo. Io lo capisco un pochino e so dire tre parole in croce, grazie a parenti che vivono in Uruguay, ma è una lingua che mi riempie il cuore di musica. quasi quasi lo imparo con le tue ricette! Ciao e a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Manuela. Il piacere é mio! Grazie cara!!
      Beata te che,anche se in ritardo,riesci ad andare a trovare i partecipanti;io non ci riesco mai,purtroppo!!
      Ma vieni quando vuoi e,se vuoi,ti posso impartire qualche ripetizione eheheheh
      Adesso (perché o é adesso ochissá quando) passo anch'io da te.
      Ci vediamo di lá!
      Un bacione

      Elimina

Lettori fissi / Seguidores

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Google+ Followers